La Società Italiana della Caviglia e del Piede (S.I.C.P.) è una libera associazione che riunisce laureati in Medicina e Chirurgia in possesso di lauree diverse, tutti comunque interessati allo studio del piede.

La Società Italiana della Caviglia e del Piede fa parte della:

  • European Foot and Ankle Society (E.F.A.S) che riunisce le società europee specialistiche di chirurgia del piede.
  • International Federation of Foot and Ankle Society (I.F.F.A.S.) che riunisce le federazioni Asiatica, Europea, Nord Americana, Sud Americana e la Società Australiana e del Sud Africa.

 

Le finalità della società

La società ha le seguenti finalità:

  • Favorire la conoscenza della Medicina e Chirurgia del piede mediante l'organizzazione di congressi, incontri, simposi, giornate di studio, corsi di aggiornamento
  • Promuovere programmi di studio e ricerche inerenti alla Medicina e Chirurgia del Piede
  • Mantenere i rapporti con le Istituzioni che abbiano le stesse finalità

La nostra storia

2005

Dal giugno 2005 la Società ha assunto l'attuale denominazione e ha modificato il proprio statuto per venire incontro a richieste di simpatizzanti in possesso di diplomi diversi da quello di Laurea in Medicina e Chirurgia ed anche per un adeguamento agli standard internazionali.

1988

La Società è stata istituita con la denominazione di Società Italiana di Medicina e Chirurgia del Piede nel febbraio 1988 dai soci fondatori A. Andreasi, M. Bardelli, L. De Palma, L. Dragonetti, S. Giannini, G. Guida, F. Malerba, F. Mori, Natiello, N. Pace, G. Pisani, Scholder e Torner.

La Società ha raccolto il testimone della esistente Società Italiana di Podologia (S.I.P) fondata a Genova nel giugno 1964 da L. Giuntini, P. Chiappara, G.C. Bernardi, P. Guidi, E. Serra, F. Picchietta e P.L Nai-Fovino che a sua volta rappresentava la sezione italiana dell'allora College International de Podologie (CIP).

Il College annoverava fin dal 1958 pionieri della Chirurgia del Piede come J. Lelievre, A. Villadot, V. Valenti, A. De Wulf, M.M. Napoli e C. Torner.