Statuto

Lo statuto della Società Italiana della Caviglia e del Piede.

 

LA SOCIETÀ

Art. 1

La Società Italiana della Caviglia e del Piede (S.I.C.P) è una libera associazione senza finalità di lucro, aliena da ogni discriminazione razziale, politica, religiosa e sociale.

Riunisce laureati in Medicina e Chirurgia interessati allo studio del piede.

La sua sede legale coincide con il domicilio del Presidente in carica.

Art. 2

La società ha le seguenti finalità:

• favorire la conoscenza della Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede mediante l'organizzazione di congressi, incontri, simposi, giornate di studio, corsi di aggiornamento;

• promuovere programmi di studio e ricerche inerenti alla Medicina e Chirurgia del Piede;

• mantenere i rapporti con le Istituzioni che abbiano le stesse finalità.

Art. 3

Il patrimonio della Società deriva dalle contribuzioni annuali dei Soci e da eventuali doni o elargizioni che pervengano alla Società per puro mecenatismo o sponsorizzazioni.

Sono accettabili elargizioni, donazioni o sponsorizzazioni provenienti da Enti o Ditte commerciali purché non tendano a far compiere alla Società o a qualunque Socio azioni di fatto o di opinione contrarie allo Statuto ed all'etica societaria.

Art. 4

L'anno sociale corrisponde all'anno solare. 

La durata della Società è illimitata.

La Società può essere disciolta in qualsiasi momento su richiesta di almeno ¾ dei Soci in regola con il pagamento della quota sociale per l'anno in corso riuniti in Assemblea generale o straordinaria. L'Assemblea stessa deciderà come vadano destinati gli eventuali beni in possesso della Società.


 

I SOCI

Art. 5

La Società prevede due categorie di Soci:

• Soci Ordinari

• Soci Onorari

Art. 6

Sono Soci Onorari quelle personalità che abbiano acquisito particolari benemerenze nello studio dello studio della Caviglia e del Piede o nei confronti della Società. Essi sono esenti dal pagamento della quota associativa, quindi non hanno diritto di voto. I soci onorari possono rinunciare a questo privilegio, pagando la quota associativa conservando quindi tutti i diritti dei Soci Ordinari.

Art. 7

Sono Soci Ordinari tutti coloro che, avendone fatto richiesta ed accettando lo Statuto, siano in regola con il pagamento della quota associativa. I Soci Ordinari che abbiano superato i 70 anni di età non sono tenuti al pagamento della quota associativa, mantenendo tutti i diritti dei soci ordinari.

Art. 8

Tutti i Soci Ordinari hanno davanti alla Società parità di diritti e di doveri.

Art.9

Perdono il titolo di Socio Ordinario e l'anzianità societaria coloro che non abbiano pagato la quota associativa per due anni consecutivi e che, dopo esplicita e reiterata richiesta, non regolarizzino la loro posizione amministrativa per tutti gli anni di mora. Non è ammessa il pagamento della quota per il solo anno in corso.

I Soci Ordinari, negli anni di mora, perdono il diritto a ricevere le pubblicazioni scientifiche della Società e della Società Europea ed eventuali vantaggi riservati, nonché il diritto di partecipare all'Assemblea.

Art.10

I Soci che si rendessero responsabili di comportamenti tali da recare pregiudizio alla Società o deontologicamente non corretti possono essere, a seconda della gravità del caso, censurati o radiati.

La censura deve essere decisa, a votazione segreta, dai componenti del Consiglio Direttivo, con un numero di voti uguale o superiore ai 2/3 dei componenti che hanno diritto di voto; la censura costituisce remora per la candidatura alle cariche societarie.

La radiazione è decretata dai componenti dell'Assemblea Generale, riunita legalmente, con un numero di voti pari o superiore ai ¾ dei Soci votanti.

Art. 11

I Soci non hanno alcun diritto sui fondi della Società.

I Soci dimissionari, morosi o radiati e gli eredi aventi diritto dei Soci deceduti non possono reclamare né esigere rendiconti, inventari, o restituzioni, ecc

Art. 12

L'ASSEMBLEA GENERALE è espressione sovrana della Società.

Compongono l'Assemblea Generale, con diritto di voto, i Soci Ordinari in regola con la propria posizione amministrativa.

Art. 13

Le competenze dell'Assemblea Generale sono:

• l'elezione del Consiglio Direttivo

• l'approvazione della quota associativa annuale proposta dal Consiglio Direttivo

• l'approvazione del bilancio annuale del Segretario

• l'approvazione dei temi, della sede, del Presidente dei Congressi Nazionali e delle Riunioni Superspecialistiche in ambito SIOT sulla base delle proposte pervenute al Consiglio Direttivo

• l'approvazione delle nomine a Socio Onorario proposte dal Consiglio Direttivo

• la radiazione di Soci

• le modifiche dello Statuto

• lo scioglimento della Società

Art. 14

L'Assemblea Generale può essere convocata in via ordinaria o straordinaria.

L'Assemblea Generale ordinaria è convocata almeno una volta all'anno in occasione del Congresso Nazionale della Società o della Riunione Superspecialistica in ambito SIOT mediante indicazione sul programma scientifico dell'evento.

Assemblee ordinarie non in seno agli eventi indicati possono essere convocate dal Presidente con lettera ordinaria o email spedita almeno con 30 giorni di preavviso, con indicazione di luogo, data, ora e ordine del giorno.

L'Assemblea Generale straordinaria può essere convocata in ogni momento su decisione del Consiglio Direttivo a maggioranza assoluta o su richiesta al Presidente di almeno 1/3 dei Soci in regola con la propria posizione amministrativa

L'Assemblea Generale straordinaria è quindi convocata dal Presidente con lettera ordinaria o email spedita almeno con 30 giorni di preavviso, con indicazione di luogo, data, ora e ordine del giorno.

Art. 15

Le Assemblee, ordinaria e straordinaria, sono valide in prima convocazione qualora siano presenti la metà più uno dei Soci; in seconda convocazione, quindici minuti dopo la prima, qualunque sia il numero dei presenti.

Non sono ammesse deleghe.

Le decisioni dell'Assemblea sono riportate in verbale, redatto a cura del Segretario, che verrà pubblicato nell'area soci del sito della società.


 

CONSIGLIO DIRETTIVO

Art. 16

La Società è amministrata da un Consiglio Direttivo che si riunisce, per discutere le vicende scientifiche, economiche e normative, su decisione del Presidente mediante lettera o email di convocazione spedita con almeno 15 giorni di anticipo od a richiesta di almeno tre dei suoi membri.

Il Consiglio direttivo è formato da:

• il Presidente

• il Presidente uscente (Past President)

• due Vice-Presidenti

• il Segretario Tesoriere

• i cinque Consiglieri.

Il Consiglio Direttivo propone all'Assemblea, sulla base delle proposte pervenute, il Presidente, il Consiglio Direttivo, i Soci Onorari, i temi, la sede e il Presidente e le candidature a organizzatore del Congresso annuale della Società e delle Riunione Superspecialistiche. Le candidature dovranno pervenire per iscritto al Presidente o al Segretario, almeno 30 giorni prima della data di convocazione dell'Assemblea Generale.

Art. 17

I membri del Consiglio Direttivo vengono eletti dall'Assemblea Generale ordinaria in occasione del Congresso Nazionale della Società o delle Riunione Superspecialistiche

Per essere eletto il Presidente deve essere iscritto alla Società da almeno 5 anni. Il Presidente non può essere rieletto.

I membri del Consiglio Direttivo durano in carica due anni.

Art. 18

Il Presidente

• convoca il Consiglio Direttivo e le assemblee, ordinarie e straordinarie e ne conduce i dibattiti

• può far parte di tutte le commissioni a sua richiesta

• firma o delega il Segretario a firmare, per validità, tutti gli atti, bilanci, rendiconti e verbali della Società

• in caso di impedimento si fa rappresentare da uno dei 2 Vice-Presidenti

• ha la responsabilità dell'andamento amministrativo della Società

• a conclusione del suo mandato ne dà relazione all'Assemblea Generale

• rappresenta la Società ad ogni effetto di fronte a terzi, in giudizio e nei confronti di altre Società

• per la durata del mandato del Presidente che gli succede, affianca l'opera del nuovo Presidente, entrando a far parte del Consiglio Direttivo con diritto di voto con la carica di Past President

• concede i Patrocini per eventi scientifici

Art. 19

Il Vice-Presidente più anziano nella carica sostituisce il Presidente in caso di impedimento dimissioni o decesso e resta in carica sino alla elezione del nuovo Presidente.

Art. 20

Il Segretario - Tesoriere

• è responsabile della coordinazione di tutte le attività amministrative della Società

• convoca, per delega presidenziale, il Consiglio e l'Assemblea, e ne cura il verbale

• aggiorna l'elenco dei Soci conservandone nome ed indirizzo

• è responsabile della tenuta della corrispondenza sociale

• soddisfa le richieste di informazioni da parte di altre Istituzioni in accordo con il Presidente

• avendo funzioni di Tesoriere è il depositario e responsabile dei fondi della Società: richiede e riceve le quote associative, effettua pagamenti, tiene in consegna eventuali donazioni

• deve presentare rendiconti contabili in occasione delle sedute del Consiglio e dell'Assemblea Generale.

L'anno contabile corrisponde all'anno solare.

Art. 21

Tutti i componenti del Consiglio Direttivo elencati all'art. 16 hanno diritto di voto deliberante; in caso di parità, il voto del Presidente è determinante.

In caso di impossibilità o di impedimento i membri del Consiglio possono farsi rappresentare nelle riunioni del Direttivo da un altro membro al quale avranno consegnata regolare delega autografa che verrà allegata agli atti della seduta.

Ogni membro del Consiglio può essere latore di una sola delega.

Le sedute del Consiglio Direttivo sono valide con la presenza, di persona o per delega, di almeno 2/3 dei suoi membri; in caso diverso sono nulle.


 

MODALITÀ DI ELEZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Art. 22

Le votazioni per l'elezione del Consiglio Direttivo avvengono durante l'Assemblea Generale sulla base di liste elettorali.

Nelle liste dovranno essere elencati i nominativi dei candidati ad ogni singola carica: Presidente, Vice-Presidenti, Consiglieri, Segretario- Tesoriere.

Art. 23

Le liste elettorali possono essere proposte:

• dal Consiglio Direttivo uscente

• da almeno 20 Soci in regola con la propria posizione amministrativa che devono comunicare, per iscritto, al Presidente, la loro lista dei candidati al Consiglio Direttivo almeno 30 giorni prima della data di convocazione dell'Assemblea Generale.

Per la candidatura del Presidente fa testo quanto contenuto all'art.17.

 


 

ATTIVITÀ SCIENTIFICHE

Art. 24

La Società deve indire ogni anno un Congresso Nazionale o la Riunione Superspecialistica on ambito SIOT: la scelta dei temi, sede e dell'Organizzatore è ratificata dall'Assemblea Generale (art. 13); la data e il programma del Congresso o della Riunione Superspecialistica vengono concordate dal Consiglio Direttivo e dall'Organizzatore designato.

Le presentazioni possono essere tenute da Laureati in Medicina e Chirurgia o da altri relatori approvati dal Consiglio Direttivo o da un comitato scientifico da esso delegato.

L'organizzatore designato è responsabile dell'immagine della Società che da esso ne deriva.

Art. 25

La Società non è responsabile di questioni economiche nei confronti dell'Organizzatore del Congresso o di altri eventi scientifici.

Art. 26

In concomitanza del Congresso o della Riunione Superspecialistica viene annualmente redatta una Monografia sul tema dell'evento, soggetta a revisione da parte dell'apposito Comitato di Redazione (Editors) composto dal Presidente, Segretario della Società e dall'Organizzatore del Congresso.

Art. 27

Possono essere poste sotto l'egida od il patrocinio della Società quelle iniziative che abbiano ottenuta preventiva autorizzazione dal Presidente della Società, previa presentazione del programma con almeno 4 mesi di anticipo sulla data d'inizio dell'evento.


 

RAPPORTI CON SOCIETÀ INTERNAZIONALI

Art. 28

La Società Italiana della Caviglia e del Piede fa parte della European Foot and Ankle Society (E.F.A.S.) ed il Socio di diritto è iscritto anche alla Società Europea e ne riceve la Rivista Ufficiale "Foot and Ankle Surgery" se in regola con la posizione amministrativa.

 


 

INTERPRETAZIONE DELLO STATUTO

Art. 29

Competente per l'interpretazione del presente Statuto è il Consiglio Direttivo.